Осложнения острого аппендицита (инфильтраты, абсцессы, пилефлебит, перитонит). Клиника, диагностика, лечение, профилактика.
К осложнениям острого аппендицита относят перфорацию, аппендикулярный ин­фильтрат, локальные скопления гноя (абсцессы) в брюшной полости (тазо­вый, межкишечный, поддиафрагмальный),

Как определить (распознать, проверить) аппендицит в домашних условиях?
1 Причины возникновения Аппендицит - воспалительный процесс, затрагивающий червеобразный отросток слепой кишки, или аппендикс. Единственным способом лечения аппендицита является хирургический. Оперативное

Осложнения острого аппендицита
Исторические данные Острый аппендицит – воспаление червеобразного отростка слепой кишки – обыденное для общих хирургов заболевание, требующее экстренной операции. Острый аппендицит сосуществовал с людьми

Что такое аппендицит, как его распознать и как он проявляется
Что такое аппендицит? Это воспаление червеобразного отростка слепой кишки разной степени тяжести и одна из самых распространенных причин хирургического вмешательства в брюшную полость. Несмотря на то,

Острый аппендицит
Общее описание Впервые, аппендицит начали правильно диагностировать в конце 16-го века, однако связывали данное состояние с проблемами слепой кишки. Лишь к концу 18-го столетия, медики смогли понять

Симптомы аппендицита у детей: 8 основных, 9 дополнительных, срочные действия
Когда у большинства взрослых болит в живот, они просто снимают боль с помощью таблеток и продолжают свой день. Если она действительно сильная, возможно, они останутся дома. По большей части мы, взрослые,

Первые признаки аппендицита от Mamapedia.com.ua
  Каждый человек обязан знать, что при любых болевых ощущениях в области живота необходимо обращаться к специалисту. Заниматься самолечением в таких случаях крайне рискованно и опасно. Не зная причин

Уровень лейкоцитов при аппендиците, ВИК, раке, молочнице и других заболеваниях
Лейкоциты – это клетки, способные формировать иммунитет, защищая организм от развития обширных воспалительных процессов при незначительном инфицировании. Белые кровяные тельца участвуют в сложных процессах

Ответы@Mail.Ru: через сколько дней можно пить спиртные напитки после операции аппендицит а? пожалуйста
Семён Семёнович Горбунков Высший разум (107410) Алкоголь - табу любой послеоперационной диеты. Алкоголь после аппендицита должен быть полностью исключен. После операции вы не можете

Алкоголь после аппендицита
Иногда люди всерьез считают операцию по удалению аппендикса (которая по-научному зовется аппендеэктомией) пустяковой и не требующей особого внимания. Поэтому они полагают, что алкоголь после аппендицита

Загрузка...

Il cancro è un sintomo, non una malattia

Comprendere la natura del cancro è fondamentalmente sbagliato? Anche dopo quarant'anni di conduzione della complessa guerra "tradizionale" (chirurgia e chemioterapia) e "nucleare" (radioterapia) contro il cancro, a uno su quattro viene diagnosticata questa malattia - e, se credi alle previsioni

Da quando Richard Nixon ha dichiarato ufficialmente guerra al cancro firmando l'American Anti-Cancer Act, oltre cento miliardi di dollari di denaro dei contribuenti sono stati spesi per la ricerca e lo sviluppo di farmaci nel tentativo di sradicare la malattia, i pazienti stessi hanno miliardi di miliardi in più, ma i risultati sono deludenti.

Comprendere la natura del cancro è fondamentalmente sbagliato?

Anche dopo quarant'anni di conduzione della complessa guerra "tradizionale" (chirurgia e chemioterapia) e "nucleare" (radioterapia) contro il cancro, a uno su quattro viene diagnosticata questa malattia - e, secondo le previsioni, il numero di casi continuerà a crescere costantemente.

Forse questa grande sconfitta riflette il fatto che la natura del cancro è stata interpretata fondamentalmente sbagliata, e allo stesso tempo i nostri tentativi di prevenirla o curarla sono anche errati? Non molto tempo fa, è stato rivelato che l'acidosi è un precursore del cancro, anche se in precedenza non si sapeva nulla al riguardo.

Quindi la domanda a cui bisogna rispondere di nuovo è: che cos'è il cancro?

Forse dovremmo tornare alla domanda fondamentale: che cos'è il cancro? Alla fine, fino a quando non troviamo una risposta esatta, tutti i tentativi di "prevenire" o "curare" una malattia che non capiamo sono destinati al fallimento.

Nell'ultimo mezzo secolo, la "teoria mutazionale" ha fornito la spiegazione prevalente per la causa del cancro, secondo la quale le mutazioni accumulate nelle nostre cellule portano alcune "vulnerabili" alla "follia". Il loro comportamento "pazzo" e "distorto" è il risultato di una moltitudine di fenomeni distruttivi nel DNA, che di solito supporta la loro attività "civilizzata" nei confronti della vasta comunità multicellulare nel suo insieme - l'organismo.

Da questo punto di vista, queste cellule canaglia si moltiplicano e formano continuamente un tumore, imitando le caratteristiche dei processi infettivi nell'organismo ospite in vari modi fino a quando la nuova crescita interferisce con i processi vitali, che alla fine porteranno alla morte.

Secondo questa ipotesi, che è stata fortemente influenzata dalla teoria dell'evoluzione darwiniana (a volte chiamata "darwinismo interno", che guida l'evoluzione delle cellule sane in maligne), questo processo è molto simile alla selezione naturale, cioè le mutazioni casuali sono utili per la sopravvivenza e la riproduzione delle cellule tumorali in un tumore.

Il danno al DNA può verificarsi sia attraverso l'eredità di sequenze di DNA difettose ("geni cattivi"), sia sotto l'influenza di sostanze chimiche distruttive (ad esempio il tabacco) o delle emissioni radio.

Sebbene questo punto di vista fornisca alcune spiegazioni, può anche essere errato. Ad esempio, uno dei principi di base dell'evoluzione è che le mutazioni casuali sono quasi sempre pericolose e portano alla morte cellulare. Tuttavia, in questo caso, le cellule tumorali sembrano essere le vere "fortunate".

Invece di morire come cellule normali, di fronte a mutazioni casuali, dimostrano la reazione esattamente opposta: diventano immortali, incapaci di subire la morte programmata, come accade con le cellule sane.

Quindi è la base per trasformare una cellula sana in un tumore: casualità e caos? Le cellule tumorali, alla fine, mostrano un comportamento altamente organizzato, quindi sembra impossibile che siano stimolate da forze completamente casuali come la mutazione ...

Le cellule tumorali (tumori o neoplasie), ad esempio, sono in grado di costruire il proprio sistema di afflusso di sangue (angiogenesi), sono in grado di proteggersi silenziando i geni che sopprimono il cancro e attivando i geni dell'iniziatore del tumore, rilasciando gli enzimi di aggressione per muoversi liberamente nel corpo, possono cambiare il loro metabolismo, vivere in un ambiente a basso contenuto di ossigeno, alto contenuto di zucchero e alta acidità, e anche sapere come rimuovere i propri recettori di superficie per evitare di essere rilevati leucociti Ia.

Questi schemi comportamentali complessi possono essere il risultato di una mutazione casuale? Ed è possibile che mutazioni casuali possano portare alla formazione delle stesse serie "di successo" di proprietà genetiche ogni volta che si formano nuove forme di cancro nel corpo umano?

Le mutazioni casuali svolgono indubbiamente un ruolo importante nell'iniziazione e nella stimolazione del cancro, ma solo una di esse non è sufficiente per una spiegazione completa.

Il cancro come un antico programma di sopravvivenza

Un'eccezionale teoria presentata dall'Università Statale dell'Arizona Paul Davis e dallo scienziato della National University australiana Charles Lineviver contribuirà a gettare la luce necessaria sulla vera natura del cancro.

"Il cancro non è un accumulo accidentale di cellule canaglia egoiste con cattivo comportamento, ma una reazione programmata altamente efficace allo stress, affinata da un lungo periodo di evoluzione."

Nel loro lavoro pionieristico, intitolato Cancers as Multicellular 1.0: Distant Ancestor Genes, Davis e Lineviver hanno suggerito che il cancro è un atavismo preso da un arsenale genetico che ha almeno un miliardo di anni e si riposa ancora - di solito sonnecchia - nel profondo del genoma delle nostre cellule.

Davis chiama questo strato genetico nascosto multicellulare 1.0. Contiene percorsi e programmi che una volta erano necessari ai nostri antichi progenitori cellulari e alle loro prime proto-comunità per sopravvivere in un ambiente completamente diverso.

Senza cellule altamente differenziate e organi specializzati di livello multicellulare superiore (multicellulare 2.0), le cellule con genetica multicellulare 1.0 avrebbero proprietà utili che consentirebbero loro di sopravvivere per contatto diretto con quello che sarebbe un ambiente completamente diverso, più rigido (per noi).

Ad esempio, un miliardo di anni fa, il livello di ossigeno nell'atmosfera era estremamente basso, poiché la fotosintesi non si era ancora formata per produrre il suo abbondante approvvigionamento. Ciò significa che la vita cellulare in quel momento dovrebbe imparare a crescere in un ambiente a basso contenuto di ossigeno, o anche in un ambiente privo di ossigeno - questo è ciò che fanno le cellule tumorali, utilizzando la glicolisi aerobica per generare energia anziché fosforilazione ossidativa.

Davis e Lineveiver hanno brevemente espresso la loro opinione come segue:

"Partiamo dal presupposto che il cancro è un atavismo che si verifica quando malfunzionamenti genetici o epigenetici rivelano l'antico" arsenale "di dispositivi già esistenti che ripristinano il dominio di uno strato precedente di geni che controllavano colonie libere di cellule solo parzialmente differenziate, simili ai tumori. L'esistenza di un tale toolkit suggerisce che il progresso della neoplasia (cancro) nel corpo dell'ospite è chiaramente diverso dalla normale evoluzione di Darwin. "

Invece di considerare una caratteristica così distintiva del cancro come la riproduzione continua come una proprietà recentemente evoluta che la mutazione casuale ha trascurato, dovrebbe essere considerato lo stato cellulare "predefinito", sviluppato un miliardo di anni fa, quando "l'immortalità" era la prima priorità.

Non dimenticare, questa antica raccolta di cellule non presentava una tale differenziazione del tipo di cellula e della specializzazione dei tessuti, come negli animali superiori (pelle, capelli, unghie, ecc.), Per la protezione dagli effetti dannosi dell'ambiente.

se cancro - questo è un antico programma di sopravvivenza senza maschera, ciò non significa che la "teoria della mutazione" non contenga ancora un granello di verità. Il danno genetico e le mutazioni, infatti, contribuiscono allo sviluppo del cancro, ma invece di considerarli come "causa" di un complesso sistema di comportamento associato al cancro, sarebbe più preciso presumere che rivelino una serie esistente di programmi genetici (atavismo). *

Ad esempio, sono noti più di un centinaio di oncogeni che esistono nel nostro DNA e sono comuni a una vasta gamma di diverse specie biologiche, tra cui moscerini della frutta, che mostrano quanto siano antichi (almeno 600 milioni di anni) e universali (si trovano nella maggior parte degli organismi multicellulari).

Come parte di questo nuovo modo di pensare, il cancro non può più essere visto come una sorta di predeterminata bomba genica a base di tempo incorporata in noi, o semplicemente come un sottoprodotto di un effetto cumulativo su sostanze genotossiche.

Molto probabilmente, il cancro è un'antica reazione di sopravvivenza in un ambiente sempre più tossico, con un'alimentazione innaturale e un'immunità indebolita. Queste cellule hanno imparato a sopravvivere con carichi eccessivi costanti, eseguendo una costante auto-guarigione (replica) e seguendo il principio: tutto ciò che non uccide ti rende più forte.

Il cancro non può più essere considerato come qualcosa di brutto che accade all'interno di un corpo sano. Il cancro è ciò che il corpo intraprende attivamente in risposta a un malsano ambiente cellulare, fisico e planetario. Invece di esprimere una deviazione fisica dalla norma, può essere un'espressione dell'intelligenza fisica e della capacità delle nostre cellule di sopravvivere in condizioni che minacciano di distruggerle in un punto critico in cui la sopravvivenza è impossibile.

Fa anche luce sulla natura distruttiva della chemioterapia e della radioterapia. I tumori contengono una vasta gamma di cellule, molte delle quali, in effetti, sono benigne (non danneggiano mai il corpo) e alcune inibiscono anche le cellule più dannose.

Le cellule invasive sono più primordiali nella loro configurazione genetica (multicellulare 1.0) a causa di quanti danni devono subire durante il loro ciclo di vita. Sono queste cellule che sono più resistenti alla chemioterapia, meno probabilità di morire una volta esposte ad esse. Pertanto, la chemioterapia e la radioterapia uccidono le cellule che non sono davvero pericolose.

Il cancro è un sintomo, non una malattia

È più ragionevole considerare il cancro non come una "malattia monolitica", ma come un sintomo del deterioramento delle condizioni cellulari e ambientali. In altre parole, l'ambiente cellulare è diventato sfavorevole per il suo normale funzionamento e per aiutarlo a sopravvivere, si verificano profondi cambiamenti genetici nella cellula, ripetendo gli antichi percorsi genetici che associamo al fenotipo canceroso.

Questo approccio "ecologico" riporta nuovamente la nostra attenzione alle cause prevenibili e curabili della "malattia", anziché al concetto oscuro e obsoleto di "geni difettosi" che non possiamo influenzare.

In effetti, dobbiamo cambiare il nostro modo di pensare dal punto di vista che il cancro è qualcosa di innaturale che ci accade, a quello in cui vediamo che il cancro è una reazione completamente naturale del nostro corpo per sopravvivere in condizioni innaturali. Cambia queste condizioni in meglio e ne trarrai molti più benefici che dalla lotta contro il cancro come nemico.

* Il concetto di cancro come atavismo può essere spiegato come segue: l'atavismo è una vecchia caratteristica genetica, una proprietà che non viene più utilizzata e quindi soppressa dai geni di nuova evoluzione. Un esempio è la membrana tra le dita.

Mentre siamo nel grembo materno, tutti li hanno, ma nel processo di sviluppo embrionale scompaiono. Questo viene fatto attraverso il processo di "morte cellulare programmata", noto anche come apoptosi. Il corpo include semplicemente l'apoptosi dei geni nei tessuti associati alle membrane e queste cellule si disassemblano con calma, con il risultato che abbiamo mani e piedi normali liberi dalle membrane. Il più interessante è che le cellule tumorali sono cancerose perché non muoiono.

O hanno dimenticato come superare la morte programmata (apoptosi) o sono stati costretti a causa di lesioni (disturbo genetico) o stress ambientale (cambiamento epigenetico) per sopprimere i geni che avrebbero permesso loro di morire.

Le cellule tumorali, infatti, sono copiate da antichi strumenti genetici che i loro predecessori usavano più di un miliardo di anni fa per sopravvivere in condizioni molto difficili e in cui la replicazione era una caratteristica molto più preferita della morte.

PS E ricorda, cambiando solo i tuoi consumi - insieme cambiamo il mondo! © econet

Unisciti a noi a Facebook . VKontakte . Odnoklassniki


Загрузка...
Загрузка...

orake.ru - Раковые заболевания. Диагностика, лечение и профилактика раковых заболеваний